Fralerighe ALIA

ME_335_DiversityOfOpinionLa rivista on line Fralerighe dedica un articolo al nostro ALIA Evo, con una recensione a firma Lerigo Onofrio Ligure. Una recensione ricca, meditata e sicuramente non facile. Recensire un’antologia di diversi autori, infatti, è il tipico gatto selvatico dal quale chiunque scriva recensioni cerca di tenersi il più possibile lontano. Ma il recensore riesce a uscirne più che dignitosamente, sia dando una propria interpretazione e un proprio giudizio sull’operazione ALIA sia sforzandosi di valutare in toto il lavoro dei curatori.E, particolare tutt’altro che trascurabile, non citando mai il nome degli autori ma sforzandosi di commentare i racconti uno ad uno.

Ovviamente, in quanto co-curatore, ho qualche “naturale” riserva su taluni giudizi del buon menestrello Lerigo Onofrio Ligure, come non sono del tutto d’accordo sulla sua convinzione dell’esistenza di una “doppia anima” di ALIA, ma mi rendo perfettamente conto che ciò che viene colto e giudicato da un lettore – e a maggior ragione da un recensore – è automaticamente sacro e insindacabile. ALIA è nata come rassegna del fantastico e volutamente gioca su più tavoli, rischiando ogni volta qualche giustificata reprimenda sulle scelte fatte e sui racconti selezionati. Resta il fatto che se di un esame si è trattato possiamo affermare serenamente di averlo superato. Recensioni come quella apparsa su Fralerighe giustificano l’esistenza di ALIA e ne sottolineano il valore. Siamo stati per un decennio un buon esempio di fantastico nato in Italia da autori, curatori e traduttori italiani e anche quest’ultima nata è all’altezza della nostra fama. Non è poco, davvero. Grazie di cuore al nostro “menestrello” Lerigo Onofrio Ligure e a rileggerci presto.

ALIASL