ALIA, si riparte

estate sta finendoPrima o poi le vacanze finiscono e bisogna ritornare alle consuete attività, comprese le imprese, le follie o i sogni. E il prossimo ALIA è, per l’appunto, insieme impresa, follia e sogno.

Durante l’estate abbiamo letto – io e Silvia Treves, co-curatrice dell’antologia – più o meno una ventina di racconti di alcuni degli autori, sia già pubblicati nelle precedenti edizioni che  new entries nel mondo di ALIA. E con Silvia abbiamo finito col prendere alcune decisioni e operare alcune scelte, anche se – lo ricordo qui – il termine ultimo per la consegna dei manoscritti proposta in un intervento del 19 giugno era il 30 settembre 2013, termine che rimane fisso e definito, anche se può (nel caso) scivolare in avanti di qualche giorno, in rapporto alle richieste e a eventuali problemi degli autori. Questo – è bene chiarirlo – non vuol essere un rompete le righe, ma soltanto un esempio di realismo più o meno socialista, per il quale si tengono i motori sotto pressione se si è visto il protagonista scendere a precipizio dalle colline, sia pure inseguito da centinaia di bruti.

Le new entries già certe in questo momento sono almeno tre:

– Vincent Spasaro, qui il suo blog. È molto probabile che entri nel prossimo ALIA con un racconto, «L’arsenale dei cuccioli», anche se non si esclude la possibilità che sia un altro otttimo racconto – purissima space opera -, «I navigatori delle lunghe distanze» a spuntarla. A questo punto abbiamo rimandato la palla al buon Vincent e rimaniamo in attesa di una sua decisione.

– Maurizio Cometto, qui il suo spazio su FB, con un ottimo racconto, «Segni di morte», di tema e ambientazione davvero spaventosamente italiani.

– Luca Barbieri, qui la presentazione del suo ultimo libro, con un delizioso pastiche, malinconico & mostruoso insieme: «Viale del tramonto», ghost star K… vabbè quando comprerete l’antologia lo scoprirete.

I tre autori qui segnalati si vanno ad aggiungere a coloro che hanno già inviato i loro testi. Vittorio Catani, qui il suo blog. che ci ha fatto avere un racconto in tutto e per tutto degno del suo nome e della sua fama: «Lazzarella». L’aver “reinventato” il Lazzaro evangelico è stato davvero un colpo magistrale. Altro racconto – anche se è più corretto definirlo testo teatrale -, arrivato già al momento dell’annuncio del nuovo ALIA, è quello di Mario Giorgi, qui il suo spazio e-book sul web, un curioso modo di utilizzare le unità aristoteliche. L’ottimo Fabio Lastrucci, qui la sua pagina sul catologo Vegetti della sf, poi, sta lavorando per terminare un suo eccellente & allucinante racconto, un testo che vi farà passare l’appetito per il resto della giornata…

Ma la rassegna non finisce qui. Altri racconti sono in arrivo, e di quelli vi daremo man mano notizia.

Rimanete sintonizzati…

radio balilla

Annunci

2 thoughts on “ALIA, si riparte

    • Ciao, Nick, mi fa molto piacere ritrovarti qui. Quanto all’antologia stiamo cercando di combinare i migliori pezzi che ci capitano sotto mano e che gli amici ci mandano. Abbi fede, lavoriamo per un buon risultato. Un abbraccio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...